• Luisella Pasquali

#ilmioKaftano

Il mio amore per i Kaftani parte da lontano come lontana è la terra d’Africa misteriosa e colorata.

Gli stessi colori delle stoffe wax, in cotone naturale, che ho scelto personalmente nel mercato di Ajadè situato ad Abidjan in Costa d’Avorio. Realizzare questo progetto è stato possibile anche grazie all’aiuto di suor Clarissa, donna che ogni giorno, insieme alle sue consorelle, difende i diritti delle donne del villaggio di Bingerville, ai margini di Abidjan. Nella loro casa, intitolata a Madre Carla Borgheri, fondatrice delle Suore Missionarie dell’Incarnazione, ospitano donne che hanno avuto il coraggio di dire no a leggi tribali che non riconoscono nessun diritto a chi nasce donna.

Queste stesse donne, con ago e filo, intendono riscattarsi riprendendosi in mano la vita.

Qui le suore hanno fondato una scuola di sartoria che porta con sé un coraggiosa storia di ribellione da un matrimonio forzato.

Una donna, dopo la morte di suo marito, che la costrinse a lasciare il villaggio insieme ai suoi tre figli, è stata accolta dalle suore grazie alle quali è riuscita a sostenersi con il suo lavoro di sarta. Oggi questa donna insegna a cucire abiti intessuti di coraggio e voglia di riscatto.

“Il mio Kaftano” non è solo un abito elegante, di classe, unico ed artigianale ma è anche un simbolo di solidarietà.

Il progetto è sostenuto dall'Associazione Caritas Testimonium Servitium Onlus della quale sono socio-fondatore, insieme a tante persone di buona volontà.




235 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti